Metodo Ancestrale

Il termine ancestrale significa 
trasmesso,
ereditato
dagli antenati.
Ancestrale è il metodo anticamente utilizzato in Emilia
per la produzione di vini frizzanti e spumanti.

Una raccolta fatta 
ancora a mano

Per esaltarne al massimo le qualità organolettiche, attraverso una attenta potatura e complice un terreno particolarmente vocato alla viticoltura di qualità, le rese di uva per ettaro vengono volutamente limitate a 100/120 quintali, a fronte dei 210 previsti dai disciplinari.

Travasi

Per preservare i lieviti, la struttura, e le caratteristiche organolettiche del vino, esso viene chiarificato unicamente secondo la tecnica dei travasi.

Imbottigliamento e rifermentazione

Il vino viene imbottigliato a marzo, dopo circa sei mesi di affinamento in acciaio a temperatura controllata. La concomitanza dell’imbottigliamento con i primi tepori stagionali riattiva i lieviti presenti che innescano una seconda fermentazione del residuo zuccherino.Si producono così in bottiglia un’ulteriore dose di alcol e l’anidride carbonica che darà origine alla meravigliosa miriade di bollicine che ci aspettiamo da un vino frizzante. Terminata la rifermentazione, i residui di lievito si depositano sul fondo della bottiglia. La velatura degli ultimi bicchieri è caratteristica imprescindibile di questo metodo antico.
Via Dante Alighieri incrocio Via Viazzola - 41017 Ravarino (MO)
info@marchesidiravarino.it
+39 335 819 0101
Seguici su instragram
AGRICOLTURA
BIOLOGICA DA SEMPRE
© 2021 Marchesi di Ravarino è un marchio registrato di Soc. agr. I monti di A. Marchesi - Via Rugginenta 2107 - 41017 Ravarino (MO) | P.IVA 03417980368 | Privacy Policy | Cookie Policy | Credits